Casa > Notizie > Industry Notizie > La quarta rivoluzione industri.....

Notizie

La quarta rivoluzione industriale speranza e pericolosi

  • Autore:luglio
  • Fonte:/www.diecastingpartsupplier.co
  • Rilasciare il:2016-01-30

La quarta rivoluzione industriale Per Klaus Schwab, World Economic Forum, 6.99 / $ 9,99

Il World Economic Forum fa un lavoro notevole di forgiare la saggezza convenzionale tra l'elite globale. Il guaio è che la saggezza convenzionale è sempre sbagliato. Allora cosa dobbiamo fare del tema della riunione di questa settimana a Davos: l'arrivo della quarta rivoluzione industriale? Tech Peak?

Il libro, scritto da Klaus Schwab, fondatore del WEF e pubblicato solo in vista della riunione annuale dell'organizzazione in cima a una montagna svizzera, slalom attraverso le nuove tecnologie di intelligenza artificiale, la robotica, l'Internet delle cose, veicoli autonomi, la stampa 3D, il blockchain, biotecnologia Eccetera. La tesi è che la confluenza di queste tecnologie è pari alla quarta rivoluzione industriale del titolo del libro.

Nel caso in cui vi state chiedendo, Schwab definisce i primi tre come: il trasporto e meccanica rivoluzione produzione del tardo 18 ° secolo; la rivoluzione di massa di produzione del tardo 19 ° secolo, e la rivoluzione informatica del 1960.

Egli ammette che alcune persone potrebbero considerare la quarta rivoluzione solo un'estensione del terzo, ma sostiene che la scala, la velocità e l'impatto delle nuove tecnologie significa che meritano una propria rivoluzione. "I cambiamenti sono così profondi che, dal punto di vista della storia umana, non c'è mai stato un momento di grande promessa o potenziale pericolo", afferma.

Schwab enuncia alcuni di questi pericoli: la divisione disuguale del bottino di progressi tecnologici e la minaccia della disoccupazione di massa; l'erosione della governance globale; il potenziale abuso di robotica, ingegneria genetica e le armi informatiche; l'interruzione di molte imprese consolidate.

Le nuove tecnologie stanno colpendo sia l'offerta che la domanda di attività, che significa che è spesso molto meglio di possedere una piattaforma che offre ai consumatori insieme rispetto al sottostante. Citando un articolo sul sito web TechCrunch, egli osserva che Uber, la più grande compagnia di taxi del mondo, possiede nessun veicolo; Facebook, il proprietario dei media più popolare, non crea contenuti; Alibaba, il rivenditore più prezioso, non ha nessun inventario; e Airbnb, il più grande fornitore di alloggio, possiede alcuna proprietà.

Di fronte a tale distruzione creativa, egli osserva, la vita media di una società per azioni quotata alla amplificatore S &; indice P è già scesa da circa 60 anni a 18. imprese affermate deve rapidamente abbracciare la quarta rivoluzione industriale, se non devono essere distrutti da essa. "In breve, devono innovare continuamente", scrive, invitando le aziende a passare da strutture di comando e controllo a più lavoro di squadra collaborativo.

Come ci si aspetterebbe, però, cheerleaders della élite globale suggeriscono che la promessa alla fine trionferà sul pericolo. La quarta rivoluzione industriale è che abilita economicamente esclusi del mondo dando loro accesso alle reti digitali, aumentando l'efficienza delle organizzazioni, accelerando lo sviluppo di farmaci personalizzati e - forse - fornire una soluzione tecnologica al cambiamento climatico.

La conclusione del libro segue la formula classica WEF: problemi possono essere risolti fino a quando tutte le parti interessate ragionevoli tirare insieme nello "spirito di Davos". Schwab suggerisce che la quarta rivoluzione industriale ha le potenzialità per "robotise umanità"; ma, se a forma in un modo sensibile e responsabile, potrebbe anche catalizzare un nuovo rinascimento culturale e una vera civiltà globale, lifting "l'umanità in una nuova coscienza collettiva e morale sulla base di un comune senso del destino".

Il libro è materia di lettura in volo utile per dirigenti nel loro cammino verso Davos. Ma, nonostante la sua uscita su Amazon, si potrebbe mettere in discussione il suo appello a un pubblico più ampio. E 'scritto in un Globish stranamente antisettico, piena di cambiamenti di paradigma e multi-stakeholder cooperazione.

E 'anche, come ammette Schwab, qualcosa di un lavoro urgente, accumulando idee abbattuti dai suoi numerosi incontri con luminari Davos (accuratamente annotati nei ringraziamenti). Egli ci dice che è un "libro crowdsourcing, il prodotto della saggezza illuminata raccolta attività del Forum". Eppure porta anche la pesante impronta di Schwab se stesso, che ha presieduto Davos dal 1971. La parola appare "io" 75 volte nel testo.